Registrati ora o effettua il login per leggere gratis tutti gli articoli di improbabile.it

PLAYER ON FIRE: Luis Alberto (Lazio)

PLAYER ON FIRE: Luis Alberto (Lazio)

Lo abbiamo aspettato praticamente per tutta la prima parte di stagione, quando le sue prestazioni e i suoi numeri (oltre che i suoi punteggi) non erano certo esaltanti. Poi un nuova posizione in campo e probabilmente anche un ritorno alla forma migliore, lo ha riportato sui livelli che ci eravamo abituati a vedere la scorsa stagione. Stiamo naturalmente parlando di LUIS ALBERTO, il centrocampista della Lazio che tante gioie aveva regalato ai fanta-allenatori grazie al suo piede magico. E’ tornato davvero ad essere una delle possibili prime scelte di formazione ora? Proviamo a scoprirlo insieme con l’analisi della sua stagione e delle sue ultime prestazioni.

PLAYER ON FIRE – Luis Alberto (Lazio)

La stagione del centrocampista laziale è stata piuttosto travagliata, come dimostrano i soli 1402 minuti giocati fin qua. Qualche panchina per scelta tecnica, qualche infortunio che sembra alle spalle, e poi finalmente il ritorno alla buona forma, soprattutto da quando insieme a lui sono cresciute le quotazioni di Correa che lo hanno portato a giocare un po’ più indietro nella linea dei centrocampisti.

Certo i numeri sono molto diversi da quelli della passata stagione (11 gol e 16 assist), ma per questo finale di campionato, crediamo davvero che possa essere uno degli elementi da tenere particolarmente in considerazione per le scelte. Lo dimostra anche la sua ultima prestazione, la migliore di giornata (e dell’anno per lui), con oltre 45 punti raccolti su Mastergoal, grazie alla doppietta e all’assist nella partita contro il Parma.

Vediamo anche come se pure non sta tirando più tantissimo in porta (solo 1,5 tiri a partita di cui un terzo nello specchio), il numero elevatissimo di Cross e di Contrasti lo rende perfetto per avere sempre una solida base di punteggio garantito, ampliata anche da un ricco numero di passaggi. Insomma una combo di bonus perfetta per avere sia una media punti fissa (quindi ottimo per Sit&Go) sia qualche picco di rendimento capace di fare la differenza (come abbiamo visto nell’ultimo torneo dove è stato imprescindibile per la vittoria).

Da prediligere però soprattutto nei match contro le “piccole”, visto che il rendimento contro squadre di pari livello non è sempre stato all’altezza (vedi anche le uscite contro Roma e Fiorentina che pur con una buona Lazio, non lo hanno visto particolarmente protagonista nei punteggi).

 

 

Lascia un commento