Registrati ora o effettua il login per leggere gratis tutti gli articoli di improbabile.it

LA TOP11 DELL’ULTIMA GIORNATA DI SERIE A

LA TOP11 DELL’ULTIMA GIORNATA DI SERIE A

Prima di posare per un attimo le statistiche in vista del nuovo anno, ecco l’ultima analisi che possiamo fare sui numeri di questa 19° giornata di Serie A. Un sabato in cui le sette partite dedicate al torneo principale su Mastergoal, hanno portato davvero tante sorprese. Ce n’eravamo accorti dai risultati sul campo, ma ancora di più possiamo vederlo raccogliendo i punteggi. Vediamo questa Top11 dei migliori, ricca di nomi alternativi, ma anche qual è stata la più “gettonata” e non molto fortunata formazione.

La top11 di Mastergoal (19° Giornata)

Come possiamo vedere in grafica, nella Top11 di Mastergoal di questa settimana, ci sono ben 6 giocatori sotto la quota del “10%” di frequenza di scelta. Vero che c’erano sette partite in ballo, ma è il segnale che evidentemente non è stato per niente facile azzeccare l’undici giusto. Confermato poi dalla netta differenza con la formazione invece più “gettonata” in base alla percentuale di scelte.

PORTIERI

SORRENTINO strappa la palma di migliore in campo, nonostante in questa occasione sono stati molti i portieri ad aver fatto punteggi molto simili (tra i 12 e 14 punti), per cui la differenza non è stata particolarmente sentita (da Cragno che ha parato anche un rigore, fino a Provedel e Radu, oltre i 13 punti a testa). Unica eccezione, un Consigli trafitto ben sei volte e penalizzato nel punteggio (appena 2,95 punti per lui).

DIFENSORI

La lunga lista di possibilità ha visto in effetti molti dei più gettonati realizzare buoni punteggi. VRSALJKO è l’unico presente in entrambe le Top11, così come Larsen che era in ogni caso molto scelto. La sorpresa è stata ovviamente MANCINI, anche se l’Atalanta ci aveva abituato ai suoi difensori goleador. Anche Ansaldi (12,55) e SKRINIAR (12,2) tra i top5 di punteggio. Delusioni invece per i tanti che avevano puntato su Pasqual (4,71) e Marusic (4,95).

CENTROCAMPISTI

E’ stato il reparto decisivo, nel bene e nel male. La tripletta di ILICIC entrato dalla panchina (ma comunque con un 4,29% di presenza), ha rivoluzionato la classifica. Ma a parte questo caso apice e fortunato, sarebbe stato comunque difficile azzeccare il reparto. DUNCAN ha fatto felici quel 1,43% che ha puntato su di lui (ottimo 33,7 punti), così come Cristante e Giaccherini (tutti e due in gol e abbastanza utilizzati). Ma se chi aveva scelto Politano può ritenersi appena soddisfatto, di certo non lo sono quelli che avevano puntato su Zaniolo (fresco del super gol la scorsa giornata) e Correa (in posizione avanza sembrava scelta giusta), entrambi molto deludenti almeno nei punti raccolti. C’è stato poi il caso Perisic, infortunato all’ultimo secondo che è costato uno slot a zero punti per ben il 24% delle formazioni.

ATTACCANTI

Qua tutto è girato intorno alla goleada dell’Atalanta, con quel super Gomez che è risultato decisivo nelle scelte (quasi un quarto delle formazioni con lui in campo). Benissimo anche un UNDER che quando ingrana è devastante, anche nei punteggi (oltre 33 punti all’attivo), e un PUSSETTO che ha approfittato al massimo dall’assenza di De Paul (ma non è stato molto seguito nelle scelte, solo il 3%). Bene anche KEITA oltre i 23 punti, e alla fine pure BELOTTI appena sotto i 20 (ma poco presente nelle scelte). L’altra faccia della medaglia è il tridente più gettonato: appena accettabili i quasi 13 punti di Immobile, decisamente scarni i meno di 9 di Icardi, bottino amaro invece per chi pensava che Piatek non fermasse la sua corsa al gol.

Lascia un commento