Registrati ora o effettua il login per leggere gratis tutti gli articoli di improbabile.it

Vittoria per due su Mastergoal: L0veM4kesY0uCr1 e Danilospecialone89

Vittoria per due su Mastergoal: L0veM4kesY0uCr1 e Danilospecialone89

E’ stata una domenica di sicuri festeggiamenti per i due player che si sono aggiudicati pari merito il primo posto nel torneo principale di Mastergoal, con oltre 5.000€ di montepremi garantito: “L0veM4kesY0uCr1″ e “Danilospecialone89”. Li abbiamo quindi contattati per farci raccontare direttamente come sono riusciti ad ottenere questo ambito traguardo, ma anche per due chiacchiere in libertà sui fantasy sport e dintorni.

Le interviste Improbabili: L0veM4kesY0uCr1 e Danilospecialone89

Per chi non li conoscesse (ma questo vorrebbe dire che non vi siete ancora iscritti al gruppo facebook di Improbabile), Walter “L0veM4kesY0uCr1” Scuderi e  Danilo “Danilospecialone89” Pagano sono i vincitori dell’ultimo main event domenicale su Mastergoal (con 5.000€ di montepremi garantito ampiamente superati). In questa occasione poi, i due catanesi non solo hanno portato a casa il primo e il secondo premio divisi a metà, ma hanno anche diviso tutte le altre posizioni in gioco.

Partiamo dal principio quindi, come è nata questa situazione?

“Si, capita spesso” – ci dice Walter – “che ci ritroviamo sin dalla mattina per fare colazione insieme a base di cornetti con nutella bianca e caffè cremosissimi (con quella nuova qualità di cialde scelta da Danilo che è veramente pessima). E’ utile perchè studiando insieme si possono confrontare punti di vista differenti e magari cogliere alcune occasioni che altrimenti andrebbero perse, inoltre diventa poi anche incredibilmente più divertente tifare poi insieme per gli stessi giocatori (o viceversa gufare quelli che abbiamo scartato). Questa settimana in particolare avevamo idee molto similari (eccezion fatta forse per Mandzukic, giocatore molto utile in campo ma molto meno in chiave DFS), per cui ci siamo davvero ritrovati ad avere la stessa lista di giocatori da far ruotare nelle nostre formazioni iscritte”.

Come si struttura la scelta dei giocatori quindi? Quale iter seguite per compilare il “listone” ogni domenica?

“Siamo partiti dai punti fissi, che questa settimana fortunatamente erano abbastanza delineati. In difesa era quasi impossibile rinunciare ad Alex Sandro e Biraghi, mentre per il centrocampo i nostri punti fermi sono stati Bernardeschi, Pjanic e Ilicic. Tutto compatibilmente alla gestione del budget e degli slot nelle varie formazioni (abbiamo dovuto rinunciare a Pjanic proprio per questo in alcuni team). E ovviamente un Higuain che per l’attacco era praticamente obbligatorio.

In seconda battuta abbiamo cercato dei giocatori da accoppiare a questi cercando di coprire un ventaglio quanto più ampio possibile. Dal Cagliari con Pavoletti e Joao Pedro qua e là, o Farias che abbiamo sistemato al volo al momento dell’uscita delle ufficiali. Nessuno di noi credeva invece nel Milan (nonostante il buon momento in generale), per cui ci siamo trovati a limitare molto le scelte tra i rosso neri: solo Bonaventura (3 presenze) e Calhanoglu (3 anche per lui). Aggiungendo poi anche Suso che è un giocatore particolare e che in chiave fantasy sport può fare bene a prescindere dalla prestazione finale della sua squadra (infatti lo abbiamo schierato in almeno un terzo delle formazioni). Poi ovviamente almeno un paio di attaccanti della Fiorentina come Chiesa e Simeone, oltre al pomo della discordia, il solito Mandzukic. Ci sono anche scelte che arrivano da momenti particolari, come quella di De Paul: inserirlo in lista dopo il balletto nello spogliatoio diventato virale, era d’obbligo! Alla fine però, la scelta veramente decisiva della giornata è stato quel mono Mancini infilato al volo dopo l’esclusione di Palomino da titolare”.

Tanti giocatori alla fine per voi: 42 da schierare in 15 formazioni. Cosa pensate delle varie strategie di rotazione? Meglio duplicare squadre identiche ma tenere alto il numero dei fissi, oppure avere più scelte anche schierate poche volte per avere quanta più varietà possibile?

“Parlando di strategia siamo sempre stati della scuola di pensiero che giocare a blocchi di 5 formazioni o addirittura 7/8 uguali non abbia alcun senso in tornei grandi. Può aver senso nel torneino da 300 euro del Venerdi/Lunedi ma non è comunque un metodo che riteniamo profittevole, nonostante qualche volta sporadicamente io (Walter) lo utilizzo, ma più per mancanza di voglia e di tempo nel giocare e preparare le formazioni…”

Parliamo un po’ anche di questo nuovo Mastergoal, che dopo i primi problemi iniziali sembra finalmente tornato a regime: cosa ne pensate del nuovo software, quali sono i suoi punti di forza e quali le cose da migliorare ancora?

“Il nuovo Mastergoal appare davvero fantastico, una piattaforma avanzata nella gestione delle proprie formazioni (sostituire un giocatore con un click in tutte le squadre), nella cura dei dettagli durante il live (minuti che mancano, % di possesso di un giocatore e la nuova funzione per cercare un giocatore all’interno del torneo stesso), son davvero utilissime per chi gioca. Come per tutte le cose nuove, ci son stati problemi evidenti all’inizio, che ora però sembrano esser stati superati. Sicuramente può essere (e son sicuro che presto lo sarà) migliorato lo scoring system, che ha bisogno di qualche ritocco. l  “contrasti vinti” e i “cross tentati” andrebbero tolti per far spazio magari a “palloni recuperati ” e “passaggi chiave”, statistiche sicuramente più evidenti e meno casuali delle prime. A differenza di quello che pensano molti lo scoring del portiere è sicuramente meglio di com’era una volta, dove se non avevi il portiere imbattuto insieme ai difensori potevi tranquillamente staccare ed andare in giro per centri commerciali”.

Parliamo anche di giocatori: chi è quest’anno che vi ha sorpreso di più e che state utilizzando quasi sempre nelle scelte? E chi invece ha deluso totalmente in chiave fantasy?

Walter“Un giocatore che mi ha sorpreso positivamente (anche se poi per me non è stata molto una sorpresa visto che lo seguo dai tempi del Deportivo ed è sempre stato un giocatore straordinario) è Luis Alberto. Un nome che schiero praticamente fisso quando gioca, impossibile rinunciarci, tocca mille palloni a partita e difficilmente realizza meno di 15/20 punti senza segnare, mentre quando segna è quasi sempre top1. Un giocatore che invece mi ha deluso tantissimo è Berardi, di questo giovane avevo un’ottima impressione ma ormai si è perso per strada e non riesce più a venirne fuori. Quando lo compro è quasi sempre un disastro tra rigori sbagliati e prestazioni insulse”.
Danilo“Io sono rimasto molto sorpreso da Verdi, è un giocatore che già l’anno scorso aveva fatto intravedere qualcosa di positivo ma sicuramente non mi aspettavo potesse essere uno dei giocatori con la media più alta del gioco. Quando gioca è quasi sempre da prendere, tranne in partite troppo impegnative dove comunque miracoli ancora non ne fa. Se devo fare un nome su tutti come giocatori che mi han deluso dico Nainggolan, da lui mi aspettavo molto di più dopo l’anno scorso, dove era diventato anche un bomber, invece attualmente fa fatica anche solo a superare i 10 punti, complice forse la stagione non troppo esaltante della Roma ed il gioco che non  lo favorisce poi tanto di Di Francesco”.

Terzo anno di Fantasy Sport: ma alla fine cosa bisognerebbe fare secondo voi per dare davvero una svolta al movimento italiano?

“La svolta per il movimento dei DFS si ottiene solamente dalla pubblicità, che deve andare a colpire particolarmente nell’ambiente dei fantacalcisti, perchè non esisterà mai un amante del fantacalcio che non ami anche  i Daily Fantasy Sport che ne sono l’evoluzione più completa. Aumentare inoltre gradualmente i montepremi, fare costantemente Race per aumentare la competizione tra room (Lottomatica è l’unica piattaforma che fa promozioni del genere ormai), potrebbe essere anche uno stimolo per nuovi giocatori ad affacciarsi in questo fantastico mondo”.

Torniamo a voi, perchè mi piace molto questo aspetto ludico e di comunione nel gioco. Siete un gruppo di amici della stessa città che si è avvicinato insieme ai DFS e ora magari si stimola reciprocamente, ma quanto è importante fare “gruppo” per poter essere anche giocatori vincenti? E come, se lo hanno fatto, i dfs hanno influenzato anche la vostra vita di tutti i giorni?

“Abbiamo la fortuna di avere un gruppo molto unito qui a Catania costituito da alcuni dei giocatori più forti e vincenti del circuito e che in questo momento come detto, vive il DFS praticamente ogni giorno insieme. Per cui è impossibile scindere le cose, così come impossibile è non rendere merito a tutti durante le vittorie:

SvalvolatoCT/NoSurprise (Vito) è il giocatore più vincente di Fantasfida nonostante non abbia mai vinto un main event (come il sottoscritto ndr) ma ci sia andato spesso vicino, i sit sono la sua specialità e son quelli che l han fatto appassionare al gioco.

 

 

Dani-lospecialone (Danilo) altro giocatore parecchio vincente sia su Fs che su Mastergol, abbiamo infatti vinto insieme il primo Main Event quando grindavamo su Fantasfida, e abbiamo vinto dopo esserci andati sempre vicino il nostro primo Main Event su Mastergol in questa occasione, ma poi da solo conta numerosi podi ai vari tornei principali.

 

 

BonnyCT (Luca) l’ultimo in ordine di tempo ad unirsi al nostro gruppo, ha vinto meno dei due mostri sopra sicuramente, ma si è ugualmente levato le sue soddisfazioni sia su Fantasfida dove ora a memoria ricordo un terzo posto al main event e un paio di micro vinti sia su Mastergol dove ha fatto primo posto al torneo principale con il gol del super Ceppitelli.

 

 

LoveMakesYouCry/WalterCT (Walter) infine ci sono io, il cuoco del gruppo, quello che porta la colazione e che sceglie dove pranzare e dove cenare (mi occupo di alimentazione e si vede ahahaha)

Son davvero felice di far parte di questo gruppo che ormai più che semplici amici sono quasi una famiglia, fratelli che si conoscono da una vita e che da sempre si son aiutati l’un con l’altro (tranne Bonny, lui spero esploda presto) ed in questo i Daily Fantasy non han fatto altro che rafforzare il nostro legame. Del resto, vuoi non vuoi, passiamo 2 giorni assieme a settimana e quando c’è la Champions/Europa League anche 5 tra cene fuori e giornate intere a guardare partite. Ci son settimane che vedo più Vito che la mia famiglia!

Ci tengo poi a salutare anche il nostro amico “cicciotheboss” (che pur non essendo un giocatore di DFS è sempre con noi la domenica, anche perchè appassionato di betting) e “iltrenodelle15/ivitorres (Ivano)” che però lavora sempre e non c’è mai”. 

 

Lascia un commento