Registrati ora o effettua il login per leggere gratis tutti gli articoli di improbabile.it

ANALISI ROTAZIONI: “Bailamos74”

ANALISI ROTAZIONI: “Bailamos74”

Puntata particolare quella della ANALISI ROTAZIONI di oggi. Di solito infatti prendiamo ad esempio uno dei primi classificati del principale torneo della settimana su Mastergoal, ma questa volta abbiamo voluto spostare il focus altrove. Intanto perchè comunque il vincitore “Elfrasquito22” era entrato con solo sei formazioni (e il secondo “cinziapulce70” lo avevamo analizzato da poco), ma soprattutto perchè ci interessava approfondire le rotazioni di un altro player de circuito di fantasy sport, noto proprio per la sua “solidità” nelle scelte: “Bailamos74”.

Non ha avuto una giornata di profit in questo caso (uscito quasi in pari), ma ci è andato decisamente vicino come spesso accade, e come vedremo sarebbe bastato un piccolo spostamento per vederlo in vetta alla classifica.

ANALISI ROTAZIONI: “Bailamos74”

Quindici come sempre le formazioni schierate dal nostro “Bailamos74” nel torneo della domenica pomeriggio di Mastergoal, che ha visto quasi 900 squadre iscritte e un montepremi di 4.500€ garantiti. In questo caso vediamo come solo un terzo di queste siano andate a premio, il che non sarebbe nemmeno male statisticamente, solo che l’unica top17 non è bastata a colmare il gap delle iscrizioni, riducendo a una patta il profit giornaliero.

39 i giocatori utilizzati nelle varie formazioni, così suddivisi per ruolo: 5 portieri, 12 difensori, 15 centrocampisti e 7 attaccanti. Non sono pochi in termini di quantità, ma come vedremo in questo caso il “blocco” di fissi o semi-fissi era molto alto, relegando quindi tanti giocatori a semplici variazioni su una struttura definita.

Non è un caso infatti che nella sua migliore formazione, praticamente si siano incolonnati tutti i giocatori più utilizzati, portiere a parte.

Altra caratteristica interessante è che in questa giornata, molto spesso in formazione è stato preferito un modulo 3-5-2, sacrificando quindi uno degli attaccanti in funzione del centrocampista. Non a caso proprio in quel ruolo abbiamo il maggior numero di giocatori selezionati.

In porta invece il più gettonato sarebbe stato SORRENTINO, che si è rivelato però un mezzo flop, lasciando solo 3 chances al migliore di giornata, SEPE, finito infatti nella migliore.

Idee piuttosto chiare nel reparto difensivo, dove il trio GOSENS (ottima intuizione schierarlo praticamente sempre), HATEBOER e DE SILVESTRI la faceva da padrone in almeno due terzi delle formazioni. Vero è che, PATRIC a parte, non sono in molti i difensori ad aver fatto punteggi memorabili in questa giornata, per cui già avere l’atalantino in squadra (scelto solo dal 26% di formazioni) era già un plus rilevante.

Blocco Torino-Lazio invece a centrocampo, con ILICIC e LUIS ALBERTO fissi in tutte le formazioni, e IAGO FALQUE, BERENGUER e SAVIC a seguire fino a un minimo di un terzo di squadre. Non è entrato nel giro delle migliori nè BASELLI nè BIRSA, ma come si vede sono stati soprattutto i due laziali a non dare il giusto apporto al punteggio. Da notare anche la presenza di centrocampisti non propriamente offensivi ma con medie punteggio molto costanti, come STULAC, LEIVA, RADOVANOVIC o FREULER, segno evidente che in certe occasioni si può preferire anche la sicurezza al rischio.

Il vero punto di scelta però è stato in attacco, dove il duo GOMEZ (fisso) e IMMOBILE (quasi), è stato largamente preferito e solo in alcune occasioni affiancato a giro da un altro paio di nomi. Purtroppo, è proprio il non aver puntato con ancora più convinzione su Immobile che ha segnato le sorti della giornata: in una formazione aver preferito BELOTTI è stato decisivo, visto che con Immobile al suo posto sarebbe arrivato in vetta alla classifica. Sliding doors dei fantasy sport, dove basta davvero pochissimo per stravolgere l’esito di un torneo.

In definitiva, quello che si evince dalla strategia di Bailamos è che preferisce avere un folto gruppo di giocatori su cui costruire la struttura di quasi tutte le sue formazioni, affidandosi alla lettura delle partite in programma e dall’history dei vari giocatori, per poi alternare invece un alto numero di giocatori nei pochi slot liberi rimasti, cercando di azzeccare anche le sorprese e le possibili variazioni della giornata.

Ci piace in effetti. Anche se ovviamente il rischio di questa strategia è di avere forti fluttuazioni generali: quando si azzeccano tutti i fissi si può massimizzare al massimo visto che sarà la struttura di quasi tutte le nostre formazioni, e viceversa quando si “leggerà” male la giornata ci troveremo con molte squadre ad handicap. Forse per questo in certi casi si alternano anche giocatori con buone medie fisse, oltre alle possibili sorprese.

Lascia un commento