Registrati ora o effettua il login per leggere gratis tutti gli articoli di improbabile.it

Tutti i Punteggi della Champions League!

Tutti i Punteggi della Champions League!

Definire questa due giorni di Champions League ricca di emozioni, è quasi un eufemismo. In realtà probabilmente si è scritta un’altra incredibile pagina della storia del calcio, e di riflesso anche un momento entusiasmante per chi ha seguito il tutto attraverso i punteggi dei tornei di fantasy sport. Con risultati come questi, inutile dire che ci sono state tante sorprese e che per vincere, anche questa volta, c’è stato bisogno di quel pizzico di fortuna in più oltre alle buone letture degli scenari di gioco. Vediamo allora insieme quali sono stati i migliori e i peggiori di queste semifinali di ritorno, oltre ad una Top11 che avrebbe fatto la gioia dei fanta-allenatori.

I punteggi delle semifinali di Champions League

E’ successo praticamente di tutto. Dai sogni alle rimonte. Dalla gioia alla delusione più cocente. Sul campo, e certamente nelle classifiche di fantasy sport, dove come sempre si è deciso tutto all’ultimo secondo (e oltre). Ma cominciamo a parlare di nomi, con il primo tassello della nostra formazione ideale che parte proprio da ALISSON, ovvero il portiere meno selezionato e meno pronosticato della vigilia, ma che invece stacca tutti dando subito un gap di punti importante per i (pochi) che l’avevano scelto. Più o meno simili invece gli altri, che infatti sono vicini anche in termini di percentuali.

Discorso totalmente diverso invece in difesa, dove come sappiamo molti hanno dovuto adeguarsi al budget disponibile, con per un ALEXANDERD-ARNOLD di gran lunga il più scelto e giustamente, visto il punteggio quasi da attaccante. Anche il gol di DE LIGT è stato abbastanza gettonato (anche se lì conta pure il prezzo), con ALBA e ROSE a seguire. Delusi quelli che hanno puntato su ROBERTSON, e forse pure chi ha speso tanto per avere un TRIPPIER in squadra che ha fatto bene, ma non benissimo.

Ma gran parte delle decisioni determinanti, sono state quelle del centrocampo. Inutile dire che LUCAS MOURA era imprescindibile con la sua tripletta, anche se non era certo facile pronosticarla all’inizio. Il centrocampista infatti è sempre stato molto interessante vista la sua posizione in campo, ma non sempre aveva reso secondo le attese, motivo per cui solo il 17% l’aveva in campo ieri, gli unici quindi in grado di ambire alla vittoria finale. Molto meno decisiva la doppietta del subentrante WIJNALDUM, così come la buona prestazione di un SHAQIRI diventato alla fine il più scelto in assoluto visto il rapporto di prezzo (solo 50 per lui). Davanti persino a un ZIYECH decisamente più costoso, ma che non ha tradito le attese. Sorpresa anche per ALLI, non eccezionale in questa fase di stagione ma determinante in questa semifinale, al contrario delle due costose delusioni più cocenti: VAN DE BEEK e COUTINHO.

In attacco le scelte non erano poi tantissime, specie se limitate anche dal solito budget. Di certo è facile individuare le due scelte che hanno condannato gran parte delle formazioni presenti, con MANE’ decisamente sottotono nonostante la grande prestazione di squadra, e un NERES condannato alla tribuna proprio durante il riscaldamento. Per chi è riuscito a evitare il doppio tranello, meno di un terzo hanno poi puntato su ORIGI, determinante con la sua doppietta, mentre per il resto solo ordinaria amministrazione, compre un MESSI che se è vero che non ha brillato in campo, ha ottenuto comunque un punteggio in media con il resto del gruppo.

Lascia un commento