Registrati ora o effettua il login per leggere gratis tutti gli articoli di improbabile.it

I nuovi nomi della serie A: Francesco Cassata

I nuovi nomi della serie A: Francesco Cassata

Dopo quattordici giornate di Serie A, abbiamo ormai imparato a conoscere quelli che sono costantemente tra i top player nelle scelte di fantasy sport. Abbiamo già anche individuato molti altri che, pur in maniera più altalenante, possono essere utili alternative per le nostre formazioni vincenti. Ma con il passare del tempo e l’evolversi delle rose delle varie squadre, saltano fuori ogni tanto anche nomi che fino ad ora non erano stati molto considerati. Vuoi per la giovane età, vuoi perchè non avevano ancora trovato sufficiente spazio di impiego.

Oggi approfondiamo allora la conoscenza di un ragazzo classe ’97 che ha fatto decisamente una buona prova nell’ultima domenica di tornei: Francesco Cassata. 

Nomi Nuovi: Francesco Cassata (Frosinone)

Nel torneo di Mastergoal di domenica scorsa, era presente soltanto nell’1,3%  di formazioni. Ma dopo una prestazione eccellente condita dal Gol, c’è da pensare che ora saranno in molti di più a segnarsi il nome di FRANCESCO CASSATA sul taccuino delle scelte.

Partiamo proprio dall’ultima presenza a raccontare qualcosa di lui, per cercare di capire quanto davvero possa essere una scelta utile nelle formazioni di fantasy sport.

Il Gol dicevamo, fondamentale per i suoi 16,2 punti raccolti alla fine (come in Tabella nel nostro “Inside Score” dell’ultima partita). E per un centrocampista già è una buona partenza, specie se ci sono altri 2 tiri verso la porta (pur non nello specchio) a fare da contorno. Pochissimi passaggi e pochi altri bonus a cui ambire però, tanto che la sua media non è particolarmente brillante.

C’è però da considerare un minutaggio davvero ristretto fino ad ora, e vista la sua giovane età, c’è da pensare che con un po’ di costanza e fiducia possa sicuramente fare bene in futuro.

Già, perchè per il centrocampista dell’Under 21 di proprietà del Sassuolo (in prestito questa stagione al Frosinone), le prospettive ci sono davvero tutte. Specialmente se verrà ancora utilizzato come esterno di attacco, come fatto nell’ultima partita casalinga contro il Cagliari e dove non a caso, ha siglato il suo secondo gol in assoluto in Serie A.

Proprio la sua duttilità di ruolo, rende indispensabile capire di giornata in giornata dove sarà sistemato in campo, anche se il suo curriculum parla di un apporto abbastanza costante anche al gioco offensivo: in Serie B era stato 1 gol e 5 assist due anni fa, poi la scorsa stagione l’esordio in A con il Sassuolo e appunto la sua prima rete in massima serie con soli 455 minuti di presenza in campo totale.

I limiti per ora sono quelli della giovane età, che porta con sè una buona dote di irruenza, come dimostrano i 18 cartellini gialli su 36 partite in Serie B, e i 3 gialli e 1 rosso l’anno scorso in Serie A (su 10 partite). 2 Gialli anche in questa stagione su sole 7 presenze in campo. Insomma, un “malus” abbastanza abitudinario per lui che potrebbe incidere su una base di punteggio già non elevatissima.

In definitiva un nome ancora molto altalenante nelle prestazioni, che però soprattutto in casa e con avversari di medio livello, potrebbe tornare utile soprattutto in caso di sistemazione come esterno a sinistra offensivo, con molte più possibilità ovviamente di raccogliere qualche bonus di livello. La classica scelta a sorpresa insomma, anche se ormai il “jolly” da sconosciuto totale se l’è già giocato.

 

 

Lascia un commento