Registrati ora o effettua il login per leggere gratis tutti gli articoli di improbabile.it

PLAYER ON FIRE: MARCELO BROZOVIC (INTER)

PLAYER ON FIRE: MARCELO BROZOVIC (INTER)

L’Inter di Spalletti, malgrado non sia ancora riuscita a convincere molto sul piano del gioco, si ritrova in una seconda posizione grazie a risultati comunque molto buoni (un solo pareggio contro il Bologna e sei vittorie). Sono stati diversi però i protagonisti tra i nero azzurri, con Icardi e Perisic fondamentali ad inizio campionato, e ora invece un Brozovic che dopo aver stentato, sembra finalmente aver trovato la condizione giusta.

E’ proprio con la sua doppietta che è arrivata l’ultima vittoria in casa del Benevento, ed è lui che abbiamo scelto per il nostro approfondimento del “Player on Fire”. 

I numeri di Marcelo Brozovic: analizziamo il centrocampista croato nel suo avvio di stagione

Il centrocampista croato non aveva certo iniziato nel migliore dei modi la stagione. Quasi ai margini delle rotazioni di Spalletti, nelle poche apparizioni che lo avevano visto in campo, non aveva davvero impressionato.

Inutile dire che le sue migliori prestazioni sono venute fuori mentre giocava da centrocampista avanzato, da trequartista, dove ha prima sfiorato il gol contro il Genoa in più di un’occasione (tra i migliori in una partita molto difficile per l’Inter) e poi finalmente la nuova rinascita nella doppietta a Benevento.

Solo tre volte in stagione è partito nell’undici iniziale, due però proprio nelle ultime partite per una continuità che sembra fargli particolarmente bene. Dei 275 minuti totali infatti, 171 sono degli ultimi due match di campionato.

In cui però, come detto, è risultato determinante. Ben 9 i tiri effettuati dal croato, con 6 nello specchio della porta. Di questi 2 sono finiti in Gol. 

Piede particolarmente caldo per lui quindi quando si tratta di andare verso la porta (e la punizione calciata dimostra anche una tecnica eccellente), un po’ meno preciso invece in termini di proposizione per i compagni.

Ancora 0 nella casella degli Assist infatti, solo 10 i passaggi chiave e 195 i passaggi completati. Bene, ma ancora non benissimo per un centrocampista che si appresta ad essere fulcro del gioco (anche se moltissimi palloni viaggiano sulle corsie laterali occupate stabilmente da Perisic e Candreva).

Nonostante questo lavoro offensivo, è comunque riuscito anche a recuperare 13 palloni, oltre che 4 falli subiti per un saldo nettamente positivo (solo 1 fatto per lui).

La media punti alla fine è comunque molto buona, soprattutto in virtù della sua ultima apparizione che lo ha lanciato tra i top del reparto. Tra l’altro vista la sua partenza non eccellente, il prezzo è (per ora) ancora abbordabile.

Quello che è da verificare per Brozovic, è la continuità di risultati. E al momento, sono in molti dell’Inter a non godere ancora di una costante medio alta. Attendiamo qualche dato in più per vedere se potrà ritagliarsi uno spazio fisso tra le nostre scelte.

 

Lascia un commento