Registrati ora o effettua il login per leggere gratis tutti gli articoli di improbabile.it

La Domenica di Serie A – Tutti i punteggi e la Top11

La Domenica di Serie A – Tutti i punteggi e la Top11

Ci si aspettavano tante emozioni nell’ultima giornata di Serie A, e quelle di certo non sono mancate. La lotta salvezza e quella Champions si sono infatti fuse insieme nell’epilogo assolutamente incredibile di Inter ed Empoli, che ha condannato i toscani ad una immeritata retrocessione (almeno per quanto espresso negli ultimi mesi) e il Milan all’Europa League nonostante la vittoria contro la Spal. Il miracolo Atalanta invece si compie con la storica qualificazione Champions e una vittoria al cardiopalma contro il Sassuolo. Tutti i verdetti sono scritti, ivi compreso quello delle vittorie nell’ultimo torneo di fantasy sport della stagione, che ha visto non a caso “QUAZZ” ancora vincitore.

Ma quali sono stati i punteggi migliori della giornata? Quali sarebbero state le scelte vincenti? Ecco tutti i punteggi di giornata a la consueta TOP11 della 38° domenica di Serie A.

I punteggi della domenica di Serie A

Per quanto riguarda i portieri da sottolineare l’incredibile prova di un DRAGOWSKI davvero protagonista di questo finale di stagione. Un punteggio praticamente da attaccante (e non è la prima volta) condito con la ciliegina del rigore parato. Bene anche FRATTALI, ma con circa la metà del punteggio migliore.

Non sono arrivati gol importanti dai difensori, che quindi si sono costruiti il punteggio su bonus abbastanza solidi come i Cross, e in questo senso logico quindi vedere KOLAROV (gran finale per lui) come top, ma anche RODRIGUEZ e BIRAGHI che sono sempre molto costanti in questo senso.

La differenza però l’ha sicuramente fatta il centrocampo, dove alcune scelte “marginali” si sono rivelate determinanti. Ecco allora che KESSIE con la sua doppietta ha fatto felici quel 8% che aveva puntato su di lui come alternativa. Ma anche LO.PELLEGRINI e NAINGGOLAN, per quanto più gettonati, non erano poi così facili da schierare vista la ampia scelta del reparto con nomi anche più offensivi. Di certo non era facile incolonnarli insieme, ancora meno con il quarto migliore di giornata, un TRAORE’ che ha mostrato di essere all’altezza dei Top malgrado la sua giovanissima età. Praticamente impossibile poi, vedere in formazione anche MANDRAGORA e HALLFREDSSON, tutti e due con 18 punti e una prestazione eccellente, anche se probabilmente ininfluente ai fini del torneo. Abbastanza deludenti invece le prove di altre scelte gettonatissime, quali PASTORE, PERISIC o JOAO PEDRO. Sufficiente, ma niente più, quella di ILICIC che aveva dalla sua un plebiscito di scelte.

In attacco gioie e dolori si sono sovrapposte. GOMEZ era un protagonista abbastanza annunciato e non ha deluso le attese, così come il suo compagno di reparto ZAPATA. Più sorprendente invece l’epilogo di PEROTTI e PAVOLETTI, non tanto per le loro qualità quanto proprio per la difficoltà di puntare su di loro in una giornata con tante possibilità diverse. Per lo stesso motivo sarebbe stato difficile affidare uno dei tre slot offensivi a CALHANOGLU, che però ha fatto contento quel 4% che ha sperato in lui. Grosse delusioni invece dalle punte di peso, con PIATEK appena sufficiente, DZEKO ed EL SHAARAWY ancora meno e ICARDI letteralmente un Flop.

Lascia un commento