Registrati ora o effettua il login per leggere gratis tutti gli articoli di improbabile.it

FANTASFIDA & FANTAKING – L’INTERVISTA DELLA SETTIMANA: “HAK1MATAT0”

FANTASFIDA & FANTAKING – L’INTERVISTA DELLA SETTIMANA: “HAK1MATAT0”

La 36a giornata di Serie A di domenica 14 maggio ha visto andare in scena una nuova e avvincente edizione del contest più ricco su FantaKing di SNAI: si tratta del torneo Domenica K1ng che ha messo in palio un montepremi garantito di 5.000 Euro.

Anche su FantaSfida, però, si è tenuto un torneo decisamente interessante, ossia la seconda tappa della Super Sfida Improbabile del mese di maggio che ha distribuito premi per 1.200€.

Cos’hanno in comune questi due tornei di piattaforme diverse? Il vincitore! Che risponde al nick di “Hak1Matat0” e che ha avuto la meglio nella Domenica K1ng con una lineup da 184,47 punti e nella Super Sfida Improbabile con una formazione da 135 punti.

La nostra intervista settimanale è toccata, dunque, proprio ad “Hak1Matat0” dato che ha messo in scena una domenica decisamente brillante e, soprattutto, memorabile, da consegnare alla storia dei Daily Fantasy Sport.

Andiamo a scoprire cosa ci ha raccontato l’utente!

FANTAKING – L’INTERVISTA DELLA SETTIMANA: “HAK1MATAT0”

Dunque, questa nuova giornata di DFS, sulle piattaforme FantaSfida e FantaKing, hanno in comune un nome, Hak1Matat0, o meglio, Mario Vadalà, dominatore della domenica con una doppia, splendida affermazione nella Super Sfida Improbabile e nella Domenica K1ng.

Ciao Mario, l’intervista a te dedicata era quasi d’obbligo vista la tua domenica straordinaria. Ti aspettavi questa doppietta?

Innanzitutto un bel ciao a tutti! Finalmente anche io ho l’onore dell’intervista. Allora, credo che nessuno si aspetti mai di vincere, men che meno due tornei; diciamo che anche questa volta ci speravo e vedendo, come è andata, ammetto, anzi, di essere anche un po’ deluso per non aver fatto ancor meglio nel terzo torneo a cui mi sono schierato, il Fantastica Sfida (dove ho fatto 7°), perché penso ce ne fossero i presupposti.

Senza scendere nel dettaglio delle 2 lineup vincenti, abbiamo osservato come abbiano dei giocatori in comune, ossia Cordaz, Pasqual, Rispoli, Di Francesco, Destro e Falcinelli: spiegaci come sei giunto alla decisione di schierare proprio questi giocatori e anche su diverse room che, alla fine dei conti, hanno scoring system differenti.

Come hai detto tu questi giocatori erano il mio blocco fisso per i vari tornei; non scendendo troppo nei dettagli (non voglio aiutare troppo i miei rivali nei DFS, ahahah), mi limito a dire che ho puntato largamente sul portiere che mi sembrava più “inviolabile”, su giocatori eccellenti in ottica DFS come Rispoli e Pasqual e sul blocco offensivo del Bologna, in quanto il Pescara, soprattutto negli ultimi mesi, concede veramente tanto agli avversari. Per quanto riguarda gli scores system differenti non ci faccio, sinceramente, ancora molto caso; i punti pesanti che fanno vincere i tornei diciamo che sono quelli comuni a tutte le room.

Ora torniamo indietro nel tempo e raccontaci come hai scoperto l’universo DFS.

Beh, credo di averli scoperti la prima volta l’anno scorso grazie con una pubblicità in TV di FantaSfida mi pare; poi per la classica curiosità (essendo molto amante del fantacalcio e del gioco in generale) è iniziato tutto. Ho iniziato col giocare su FantaSfida, la room dove finora ho giocato maggiormente, per poi provare ultimamente anche MasterGoal e FantaKing.

Il tuo modo di vivere il calcio è cambiato da quando giochi ai Daily Fantasy Sport?

Diciamo di sì, come ben sapranno gli amanti dei DFS, le emozioni di seguire una partita con la diretta live sono veramente tante; fino all’ultimo secondo si vive il brivido, e spesso non servono i gol, ma anche un semplice fallo a partita praticamente finita può farti gioire o deluderti tanto.

Tornando nel presente, e precisamente a ieri, com’è stato seguire l’andamento delle tue squadre vincenti?

Ieri avevo fin da subito buone sensazioni, ci credevo più degli ultimi week-end insomma; la chiave è stato il gol di Rispoli nel primo tempo (con la gioia quando è stato effettivamente attribuito a lui) e la prestazione di Mertens nel secondo, in quanto entrambi li avevo come pedine fisse in tutte le formazioni; al gol del belga ho capito che la domenica poteva seriamente essere proficua. Infine, la prestazione di Nainggolan nel posticipo (lo avevo in metà squadre da me schierate nel Fantastica Sfida); prima il gol e poi la delusione per la sua sostituzione al 70’ circa quando bastava ancora un suo tiro in porta e poco più per essere nella Top3; ricordate cosa si diceva prima delle emozioni di seguire un live?

Ovviamente non tutte le domeniche si traducono in vittorie: in altre occasioni usi il live solo per imprecare contro i tuoi giocatori oppure cerchi già di essere freddo e lucido durante le partite e analizzi ciò che non è andato nelle tue scelte? O è una cosa a cui ti dedichi dopo i match?

Se si seguono le gare live solitamente già a partita in corso un vero giocatore analizza le sue scelte e giocate; si cerca di capire se è solo sfortuna o se magari si poteva noi fare meglio. Il dopo partita è più per i rammarichi: si guarda la classifica finale per vedere quanto anche a sto giro avresti potuto shippare se solo avessi preso la decisione più giusta (o più fortunata).

Quale tipologia di torneo preferisci e quale campionato ti appassiona di più?

La Serie A è in assoluto il campionato che seguo di più e quello dove sono più preparato; in ottica DFS credo sia fondamentale conoscere, infatti, tutte le squadre del campionato, perché anche i giocatori delle piccole (vedi Rispoli) sono fondamentali; per questo non frequento, se non di rado e per gamblare un po’, tornei su Premier League o Liga; per quanto riguarda la Serie A preferisco i tornei a garantito (naturalmente prediligo quelli delle 15 di domenica in quanto hanno il montepremi migliore),mentre non gioco quasi mai i sit (troppi regular e se non ne fai decine e decine come gli amici catanesi 😉 non penso abbia senso).

Quando crei la tua lineup quale parametro tieni più in conto? Oppure hai una serie di parametri? Spiegaci come approcci ai tornei di punta.

Su questo punto preferisco non rispondere; scherzi a parte, credo ognuno abbia un po’ il suo metodo, non so se ce ne siano di più giusti o sbagliati; sicuramente il tutto è un mix di esperienza (nei DFS intendo) e istinto. Il gioco su FantaSfida, per via della lineup a 7 giocatori (che sottolineo comunque mi piace molto), è indubbiamente più selettivo, difficile e crudele il più delle volte rispetto alla classica formazione a 11.

Per quanto riguarda l’eterna disputa tra chi sceglie le rotazioni e chi si rifà alla monoformazione, tu in quale “schieramento” ti rispecchi maggiormente?

Per un torneo multientries a garantito alto non credo mi vedrete mai fare formazioni uguali; credo sia improduttivo il 99% delle volte; in rari casi, ad esempio come in questa giornata, quando si hanno buone sensazioni solo su un numero determinato e circoscritto di giocatori, però può essere anche producente. Mi spiego meglio, credo che l’ideale sia avere dei paletti fissi in ogni formazione. La percentuale di questi può variare in base alle sensazioni che abbiamo per quella determinata giornata e cambiare da un 40-50% di giocatori fissi per arrivare anche a un 70-80% (cambiando quindi solo un paio di giocatori per FS o fino a max 3-4 per le altre room) per i weekend dove ci sentiamo più sicuri.

Altro tema caldo è quello che vede opporsi chi reputa i DFS un gioco di pura fortuna e chi, invece, li considera degli skill game a tutti gli effetti, dove, a lungo andare, le competenze, lo studio e le conoscenze vengono ripagate. Tu come vedi la questione?

Come nel poker (da pokerista è il paragone che mi sembra più appropriato) credo che entrambe le componenti siano fondamentali: alla lunga i giocatori bravi risultano più vincenti anche nei DFS, mentre nel singolo torneo il colpo di “culo” o l’episodio (mi viene in mente il gol Rispoli/autogol Lamanna di ieri) può essere fondamentale; sottolineo anche, quanto nei DFS sia importante rispettare il proprio bankroll, il che ci permette di giocare ogni singolo torneo al meglio, inserendo ad esempio il giusto numero di squadre in un torneo multientries.

Ti capita mai di modificare la tua formazione prima dell’inizio delle partite? Ovviamente non mi riferisco alle sostituzioni dovute ai giocatori che vanno in panchina, ma penso di più al fatto se per caso ti capita di avere ripensamenti e scegliere un calciatore piuttosto che un altro che hai studiato precedentemente.

Con l’uscita delle formazioni ufficiali solitamente riguardo per intero tutte le mie formazioni e capita di sovente che ciò modifichi le mie scelte iniziali; mi viene in mente ieri, ad esempio, il caso di “Di Francesco”: scoprendolo titolare, l’ho inserito proprio all’ultimo in alcune formazioni su FantaKing e nella Sfida Improbabile; senza questa scelta non sarei probabilmente qui a scrivere; per il Fantastica Sfida, invece, ho deciso di lasciare intatte le mie scelte là in mezzo (Mertens/Nainggolan e Mertens/Krejci) e purtroppo la presenza del compagno bolognese e non di Di Francesco mi è costata la Top3. Questo per dire quanto la fortuna per le giuste rotazioni sia comunque fondamentale soprattutto per FantaSfida.

Come vedi lo sviluppo dei DFS in Italia nell’immediato futuro?

A oggi, e lo dico con rammarico, non mi pare un mercato in espansione; da apprezzare è sicuramente il tentativo che stanno facendo ormai quasi tutte le room di inserire nel palinsesto i nostri amati DFS, ma ciò non sta portando ai risultati sperati; siamo in una fase di stallo, la prossima stagione credo sarà fondamentale per il mercato; io spero vivamente che, finalmente, i Fantasy Sport possano decollare. 

Ora una curiosità personale: da cosa deriva il tuo nick?

Diciamo che la massima Hakuna Matata, che spero tutti ricorderanno canticchiare da Timon e Pumba del cartone “Il Re Leone”, mi è sempre piaciuta e rispecchia il modo con cui, a parer mio, dovremmo vedere e vivere il gioco (e quindi i DFS) e lo sport in genere; un modo per distrarci, rilassarci e staccare la spina dai problemi di tutti i giorni: “Sta senz pensier’” direbbero a Napoli. La locuzione swahili mi è sembrata poi perfetta anche dal punto delle assonanze per creare un gran bel nick con numeri e lettere… e quindi eccomi qui.

Manca poco alla fine della stagione: dacci la tua personale Top3 e Flop3 del campionato.

In assoluto il migliore per me è stato il folletto napoletanto Mertens, vero spaccapartite nella realtà e fondamentale in ottica DFS e fantacalcio (soprattutto in quanto centrocampista). Altri giocatori top sono stati indubbiamente i vari Rispoli, Nainggolan, gli atalantini Conti, Caldara e Gomez su tutti, nonché naturalmente i bomber come Immobile, Belotti e Dzeko; per quanto riguarda i flop mi sarei aspettato sicuramente di più da giocatori come Berardi, i milanesi come Bacca, Candreva, Handanovic ma anche dagli stessi juventini (e parlo da bianconero); giocatori come Dybala, Pjanic e Higuain non valgono il più delle volte (in chiave DFS) il prezzo per cui sono acquistati e altri, anche per ragioni di turnover, non hanno fatto sempre vedere in campionato il loro reale valore (vedi Dani Alves). A podio metto dunque Mertens-Gomez-Rispoli per la Top3 e Berardi, Bacca, Handanovic fra i Flop3.

FantaKing è giunto da poco nell’universo DFS, cosa ne pensi della room di SNAI? Ti piacciono le sue innovazioni (capitano e allenatore), il suo scoring system, il suo pay-out? Oppure modificheresti qualcosa?

Inizio, intanto, con l’ammettere che la mia vincita settimanale su FantaKing deriva interamente dai proventi fatti col “Share Up Freeroll” di settimana scorsa, prima del quale il mio conto segnava zero! Ringrazio, quindi, pubblicamente la room SNAI per l’opportunità data a me e a tutti gli altri giocatori e ne approfitto per ricordare anche ai ragazzi con non grande disponibilità economica (e mi ci metto dentro anche io d’altronde) che, a volte, con la giusta dose di impegno, passione e fortuna si raggiungono grandi risultati anche partendo dal niente. Detto ciò, credo sia bello tutto ciò che entra nel mercato e, pur non stravolgendo, immette cose innovative e quindi appoggio totalmente l’idea di FantaKing del capitano e del mister; per quanto riguarda scoring system e pay-out non voglio, sinceramente, entrare ora nel merito; mi limito ad appoggiare ciò che finora è stato fatto, pur non condividendo tutte le scelte in toto come è ovvio che sia.

Stessa domanda per FantaSfida: cosa miglioreresti in generale della room?

Come già detto da tanti creare tornei dal buy-in intermedio credo possa giovare; fosse per me, inserirei sempre tornei tecnici in palinsesto (fatti su più giorni o con meno crediti; la tecnicità credo sia il fattore fondamentale per bilanciare un po’ la scelta di soli 7 giocatori) e naturalmente cercherei di mantenere un montepremi notevole per il main domenicale. Capisco, comunque, la crisi del mercato e quindi non mi sento di criticare più di tanto FantaSfida o le altre room e non saprei neanche bene come aiutarle.

E per quanto riguarda nello specifico la Sfida Improbabile? Ti piacciono le sue regole e le sue particolarità (Sfiga Improbabile, assenza di top team, ecc.)? Soprattutto, cosa ne pensi del suo nuovo buy-in da 3€?

Per quanto mi riguarda il nuovo buy-in di 3€ (con relativo cambio del montepremi) mi piace un casino e lo trovo più adatto al mio bankroll. Le sue particolarità sono belle e fondamentali anche per garantirne la buona riuscita all’interno del palinsesto di FantaSfida; il divertimento è sempre garantito e togliere i top club è sicuramente un tocco di tecnicità per il torneo, in quanto i giocatori delle big sono i più ambiti, ma come ho detto prima esistono tanti giocatori fondamentali (mi viene in mente i vari Rispoli, Cacciatore, Dzemaili, Pasqual, ecc.), la cui scelta in tornei come questo fa la differenza.

Grazie del tuo tempo Mario. Ora, in chiusura d’intervista, è giunto il momento per vantarti della tua fantastica domenica!

Da dove comincio? Allora, primo su FantaKing più altri 5 piazzamenti (con due Top10) in sette squadre create; primo nella Super Sfida Improbabile e stra-primo, per ora, nella classifica Improbabile del mese, settimo nel Fantastica Sfida e otto squadre su nove itm; tutto questo in una sola domenica… vi basta? Ahahah ogni tanto è giusto vantarsi anche un po’; si scherza ragazzi! Sono stravolto per questa lunga intervista improbabile, ma contentissimo di averla finalmente potuta fare; ringrazio tutto lo staff di Improbabile (sto mese vinco la classifica 😛 è una promessa) e tutti i compagni di sventure dei Daily Fantasy Sport! Ricordo, infine, a quegli sbarbati siculi che anche qui al nord (sono di Savona) coi DFS ci sappiamo fare!!! UN SALUTO A TUTTI RAGAZZI! E RICORDATEVI: HAKUNA MATATA!

Dunque, ancora tantissimi complementi ad “Hak1Matat0” per la sua superba affermazione domenicale!

Intanto si avvicina un nuovo weekend calcistico e sia su FantaKing che su FantaSfida ci sono nuovi e ricchi tornei a cui partecipare.

Voi siete già iscritti alla due room? Se la risposta è no, ISCRIVETEVI a FantaKing utilizzando il nostro link (senza dimenticarvi di ISCRIVERVI anche a FantaSfida) e…

…continuate a giocare che magari i protagonisti della prossima “Intervista Improbabile” potreste essere voi!

Lascia un commento