Registrati ora o effettua il login per leggere gratis tutti gli articoli di improbabile.it

COLPO DI MERCATO: SANSONE (Bologna)

COLPO DI MERCATO: SANSONE (Bologna)

Continuiamo ad approfondire la conoscenza con i nuovi arrivati (a volte “ritornati” come in questo caso) del calcio mercato in Serie A. Oggi parliamo di Nicola SANSONE, nome già conosciuto nel nostro campionato e che ora dopo la parentesi spagnola proverà a ritagliarsi uno spazio nel Bologna. Impresa non facile visto il girone di andata degli emiliani, dove hanno raccolto la miseria di 13 punti e sono in piena zona retrocessione. Potrebbe essere lui l’uomo del riscatto? E soprattutto, sarà una buona scelta in chiave fantasy sport? Proviamo a vederlo insieme.

Nicola Sansone: la storia

Dopo le trafile giovanili nel Bayern Monaco (Sansone infatti è nato in Germania da genitori italiani), Sansone viene acquistato dal Parma che lo cede in prestito al Crotone in Serie B (35 presenze e 5 reti). Solo l’anno successivo però farà il suo esordio nella massima serie, proprio con la maglia degli emiliani dove in due stagioni segnerà 8 gol in 43 presenze ufficiali. 

Ma è nel Sassuolo che vivrà la sua prima consacrazione, con 17 gol segnati in 83 partite. Non abbastanza però per trattenerlo quando nel 2016 arriva l’offerta di 14 milioni del Villareal. La sua prima stagione in Liga sembra presagire qualcosa di buono, con 8 reti e 3 Assist all’attivo, ma è solo un preludio a un lungo declino che lo vede pian piano finire ai margini delle rotazioni fino ai soli 34 minuti giocati in questa ultima stagione prima del passaggio al Bologna (prestito con probabile obbligo di riscatto intorno ai 10 milioni in caso di salvezza).

Nicola Sansone: statistiche e media punti

Come si vede dall’evoluzione della sua media punti (virtuale) delle ultime stagioni, in ottica fantasy sport i dubbi a suo riguardo sono diversi. Diciamo subito che come attaccante non è tra i più prolifici in zona gol, anche nella suo massimo campionato non è mai andato in doppia cifra.

Per questo è necessario verificare quali sono gli altri parametri utili di base, per consentire la costruzione di un solido punteggio medio. Il fatto che sia in calo costante, forse non dovrebbe preoccupare più di tanto, visto che in effetti negli anni precedenti dove veniva impiegato con continuità è stato abbastanza costante su livelli medi (ma senza quasi mai spiccare).

E’ un giocatore che non tira troppo verso la porta, meno di 2 tiri a partita, ma che quando lo fa tende ad essere abbastanza preciso (circa il 50% sono nello specchio). Il suo “saldo falli” è nettamente favorevole, quindi siamo abbastanza sicuri di segnare un segno “+” almeno da questo punto di vista. Quello che resta da vedere è soprattutto la posizione in campo.

Perchè il dubbio più grande riguarda proprio il modulo utilizzato da Pippo Inzaghi nel Bologna, fino ad ora praticamente ancorato in un 3-5-2 che certo non valorizzerebbe molto le qualità di Sansone. Se però la trasformazione verso il 4-3-3 dovesse compiersi (come suggeriscono dall’Emilia), ecco allora che il numero di passaggi e di cross dovrebbe alzarsi considerevolmente, consentendo un ulteriore bottino di punti da tenere di base.

In un Bologna poi senza troppi tiratori, lo stesso Sansone potrebbe avere il compito di tentare qualche conclusione in più rispetto al solito, incrementando ancora le sue possibilità.

Insomma certamente non un “crack” di mercato, ma altrettanto in un Bologna fin qua molto povero di idee in attacco, l’inserimento di Sansone (magari con Orsolini sull’altra sponda) potrebbe aprire diverse opzioni in più e renderlo una scelta tutto sommato interessante soprattutto nei molti scontri diretti che i felsinei disputeranno in casa con la sete di vittoria.

Lascia un commento