Registrati ora o effettua il login per leggere gratis tutti gli articoli di improbabile.it

Analisi Partita: Inter-Juventus

Analisi Partita: Inter-Juventus

I giochi per lo scudetto ormai sono fatti, e l’ottava meraviglia è incollata ancora una volta sulla maglia della Juventus. Eppure il classico “derby d’Italia” non cessa di avere importanza. Non solo perchè l’Inter dovrà ancora sudare per mantenere suo quel terzo posto valido per la qualificazione alla prossima Champions, ma anche perchè del futuro di Spalletti e Allegri molto dipenderà proprio da questo finale di campionato. E poi c’è sempre il prestigio di vincere una sfida che per tifosi e giocatori è sempre qualcosa di importante.

L’analisi delle statistiche di Inter-Juventus

Ma come sono arrivate le due squadre a questa situazione di classifica? A volte basta guardare i numeri per farsi un’idea precisa, oltre chiaramente alla classifica, che ha già espresso il suo verdetto (almeno da una parte).  Con 26 punti di vantaggio, ci si aspetta di vedere una differenza quasi abissale nelle stats delle due squadre, ma invece le differenze sono state molto più strette.

Partiamo dalla difesa intanto, perchè stiamo parlando delle due migliori del campionato, con soli 23 gol subiti per la Juve e soli 27 per l’Inter (di cui 4 presi solo nel match con l’Atalanta, per dire che alla fine potrebbero quasi essere pari). Come sono pari in effetti, anche i “Tiri Concessi” per partita, a dimostrazione che, almeno in quella fase difensiva, sono molto ma molto vicine.

La vera differenza quindi, l’hanno fatta gli attacchi. Non a caso per la Juve parliamo di 67 reti totali (più di due a partita), mentre per l’Inter solo 51. E una differenza così abissale è abbastanza strana visto che invece i “Tiri in Porta” non sono stati poi tanto differenti: solo 0,7 in più a partita. A dimostrazione che forse è la precisione ad essere mancata agli uomini di Spalletti (o ancora di più la capacità di mettersi in condizione di centrare meglio il bersaglio).

La situazione si evince ancora di più se consideriamo i parametri sul gioco offensivo, con l’Inter sempre più aggrappata a quei 940 “Cross Tentati” che sono diventati il suo marchio di fabbrica, ma che evidentemente molto spesso non portano a vere e proprie occasioni da Gol. A differenza magari della juventus, che in più ci mette anche un netto vantaggio in termini di “Dribbling“, ovvero il saltare l’uomo e creare qualche occasione in superiorità numerica e quindi, appunto, più decisiva in zona gol.

In fase difensiva dicevamo di una sostanziale parità, anche se alcuni dati sottolineano alcune piccole differenze. Più Contrasti vinti per l’Inter  dimostrazione di una buona fisicità, ma più Duelli Aerei vinti per la Juve che quindi potrà puntare anche su quel dettaglio. Così come sul recuperare qualche pallone (netta la differenza nei “Passaggi Intercettati”) per le ripartenze.

Insomma, chi si aspettava una partita dai valori decisamente spostati verso gli “Octo-Campioni”, si ritrova invece un match abbastanza aperto e vicino nelle statistiche delle due squadre, con in più forse un paio di motivazioni in più proprio per Spalletti&C. che sono ancora in lotta per un posto Champions, mentre per la juventus si tratta di una passerella buona solo per provare soluzioni valide per il prossimo anno. Ma certo, nessuno vorrà perdere questa partita.

Lascia un commento